Fritture Perfette, sane e croccanti.

Print Friendly, PDF & Email

Preparare fritture perfette non è difficile. Basta usare qualche piccolo accorgimento e seguire qualche consiglio.
Per un risultato Doc il primo passo è scegliere il grasso giusto in cui friggere. Vediamone pregi e difetti di quelli che personalmente ritengo i più adatti.

Che grasso usare per Fritture Perfette?

 Olio extravergine di Oliva: E’ il migliore in assoluto perchè sopporta temperature molto alte, con un punto di fumo che superai 210°C.
Il costo ed il suo sapore marcato potrebbero costituire due piccoli svantaggi. Riguardo al primo, c’è poco da fare, la qualità costa. Per il secondo, è sufficente scegliere l’olio in base al suo fruttato: Leggero per alimenti delicati, più intenso e deciso per quelli neutri.

Il punto di fumo è la temperatura alla quale il grasso alimentare si decompone, formando anche sostanze di natura tossica, che impregnano il cibo in cottura.

Olio di Oliva: Di qualità inferiore al primo, ha il vantaggio di un costo più contenuto, per un punto di fumo comunque alto, 190°C circa.

Olio di Semi di Arachide: Caratterizzato da un punto di fumo che supera i 200° C ed un ottimo rapporto qualità/Prezzo. Inodore, limpido è fra quelli che altera meno il sapore durante la frittura.

Burro: Punto di fumo alto, intorno ai 260°C, ma se si supera sviluppa un sapore sgradevole. Per ovviare a tale problema si potrebbe ricorrere al Burro Chiarificato, che si ottiene facendo fondere il Burro a bagnomaria per 15-20 minuti, poi filtrato per eliminare la caseina che si sarà condensata.

Strutto: Sapore intenso e punto di fumo abbastanza elevato. Sconsgliato l’uso continuato per l’alto contenuto di colesterolo e la bassa digeribilità.

Sconsiglio l’uso di Oli di Girasole, Mais, Soia e Semi misti per il loro basso punto di fumo (140-160), come anche della Margarina.

La Temperatura

Per ottenere una frittura perfetta, dopo la scelta dell’olio/grasso, bisogna portarlo a temperatura giusta a seconda dell’alimento da friggere.

140-160° C – La più adatta per alimenti ricchi di acqua come  Zucchine, Patate, Carciofi, Melanzane.  L’importante è che siano in pezzi piccoli e delle stesse dimensioni.

155-170° C – E’ la temperatura per cibi in pastella o impanati, di piccole o medie dimensioni come Frittelle, polpette, carni, dolci lievitati.

175-190° C – E’ la temperatura per quei cibi piccoli che devono cuocere  solo esternamente e per un tempo breve. Piccoli pesci, Dolci croccanti, Chips di verdura, ecc..

Olio e temperatura non sono gli unici che garantiscono un risultato Doc. Qualche ultimo consiglio, utile, per la perfetta riuscita di Fritture Perfette lo aggiungo in chiusura.

Dimensioni e quantità -Non immergete troppi alimenti. Piccole quantità, ben ascitte, garantiranno la perfetta cottura su ogni lato.
Cuocete e Scolate – Una volta cotti,sgocciolateli bene e lasciateli asciugare su carta assorbente senza coprirli, per evitare che si formi umidità.
Il Fritto non Aspetta – Servite le fritture non appena scolate.
Cambiate l’olio – Pastelle e panati lasciano residui, rimuovetelo spesso. Stesso cosa se notate che l’olio in cui friggete è bruciato, cambiatelo.

Inoltre: Per friggere vi occorrono Padelle a bordi alti, cestelli, ragno o pinze lunghe e carta assorbente

E con questo vi auguro…un Buona Fruttura…..

Hai già provato questa ricetta? Ti è piaciuta?
Taggami su Instagram usando l’hastag #qualcosadicucina
Se invece hai una tua versione preferita o suggerimenti, fammelo sapere con un messaggio nei commenti.


Per essere aggiornati sulle nuove ricette seguiti, anche sui social  Facebook, Instagram, Twitter, Tik TokTelegram

Gli articolo potrebbero contenere link di affiliazione. In qualità di Associati Amazon. L’affiliazione non comporta costi aggiuntivi per voi sugli acquisti.


Commenta per primo

Lascia un commento