Ziti al Ragù di Carne

Print Friendly, PDF & Email

.Oggi saziamoci con un bel piatto di Ziti al Ragù di Carne conditi con un sugo denso e corposo come questo Ragù.

Gli Ziti sono una pasta della tradizione Gastronomica Napoletana, infatti a Napoli la donna che si sposa è chiamata “Zita” e proprio i Ziti, lunghi tubetti, rappresentano il piatto classico dei pranzi di nozze.

Il ragù di questa ricetta non è il classico Ragù Napoletano, la preparazione ed i tempi di cottura sono molto più lunghi.

Questa è una versione semplice e veloce, ma comunque saporito e di grande effetto.

Il ragú napoletano è molto diverso da tutti gli altri ragú di carne di cui è ricca la cucina italiana. E’ diverso per gli ingredienti di carne, la lunga preparazione,  la fase detta “pippiare” e  l’aroma inconfondible che diffonde.


Ziti al Ragù di Carne

(Facile – 1 ora e 20 min – 4 persone)

  • 250 gr di Ziti
  • 200 gr di Polpa di Manzo tritata
  • 1 Scalogno
  • 400 gr di Polpa di Pomodoro
  • Vino Bianco
  • Olio extravergine di Oliva
  • Sale e Pepe

In una casseruola con l’olio rosolate la Polpa di Manzo Tritata, bagnate con il vino bianco, lasciate evaporare.

Unite lo scalogno tritato e continuate a rosolare con un filo di olio per altri 2 minuti.

Versate la polpa di pomodoro, aggiungete un pò d’acqua, coprite il tegame con il coperchio e proseguite la cottura per un’ora.

Cuocete gli Ziti in acqua salata, scolateli, saltateli in una padella con il ragù e infine insaporiteli cospargendoli con abbondante parmigiano a scaglie.

Hai già provato questa ricetta? Ti è piaciuta?
Taggami su Instagram usando l’hastag #qualcosadicucina
Se invece hai una tua versione preferita o suggerimenti, fammelo sapere con un messaggio nei commenti.


Per essere aggiornati sulle nuove ricette seguiti, anche sui social  Facebook, Instagram, Twitter, Tik TokTelegram

Gli articolo potrebbero contenere link di affiliazione. In qualità di Associati Amazon. L’affiliazione non comporta costi aggiuntivi per voi sugli acquisti.


Commenta per primo

Lascia un commento